CAMPIONI NAZIONALI JUNIORES 2004 - AFFILIATO: F.I.G.C. - C.O.N.I. C.A.S. - SCUOLA CALCIO RICONOSCIUTA

Allievi Sperimentali U16 - Todone risponde a Savron e il secondo posto sfuma

CAMPIONATO 2018-2019
CATEGORIA ALLIEVI SPERIMENTALI U16
14^ giornata fase primaverile - 5^ ritorno
7 aprile 2019

SAN LUIGI - VARMESE  2-2 (1-0)

Marcatori: Savron (SL) 8' pt; Todone (V) 1' e 32', Savron (SL) 35' st.

Mezzo passo falso casalingo per il San Luigi che si fa imporre il pareggio dalla Varmese. Finisce 2 a 2 con le doppiette di Savron e Todone, in una gara che ha visto l'immediato vantaggio sanluigino, poi i biancoverdi sbagliare ripetutamente il raddoppio e venire raggiunti in avvio di ripresa, andare sotto ad otto minuti dalla fine e quindi acciuffare il pareggio ancora grazie a Savron poco dopo, sfiorando nel finale la vittoria. Solita emergenza per mister Giuffrè che manda in campo l'undici iniziale che vede Lombardi in porta; Cassarà, Tremuli, Zanier e Trevisan in difesa; Privitera, Zaro e Cesari a centrocampo; Savron, Nastasia e Leghissa in attacco.

Partenza autoritaria del San Luigi e biancoverdi in vantaggio all'8° grazie a Savron, il quale sfrutta una palla filtrante di Cesari e infila Caiazzo: 1 a 0. L'aver sbloccato il punteggio sin dalle prime battute, consente a Privitera e compagni di gestire a proprio piacimento l'andamento del match, con la Varmese costretta a sbilanciarsi in avanti e ad offrire il fianco alle ripartenze sanluigine. I padroni di casa si dimostrano però imprecisi in fase di finalizzazione con diversi errori nella scelta dell'ultimo passaggio, fattore che vanifica qualche opportunità per raddoppiare. Per contro i friulani fanno fatica a creare pericoli dalle parti di Lombardi, chiamato in causa solamente per lavoro di ordinaria amministrazione. Per registrare un altro episodio degno di cronaca bisogna attendere il 25° quando Privitera subisce fallo ai venti metri, ma la conseguente punizione di Trevisan si perde di poco a lato alla destra di Caiazzo. All'intervallo San Luigi avanti di misura.

La ripresa si apre con l'inatteso pareggio della Varmese, favorito da un'ingenuità di Zaro che perde palla a centrocampo e consente a Todone di ripartire e di battere Lombardi per l' 1 a 1. Gara che quindi è rimessa in equilibrio e San Luigi costretto a rivedere il proprio assetto tattico. Mister Giuffrè al 6° opera le due sostituzioni possibili, inserendo Ciacchi e Kaceli per Zanier e Zaro. Succede poco nei primi venti minuti di gioco, con le due squadre che praticamente si annullano a vicenda. Al 23° biancoverdi vicinissimi al gol quando Nastasia mette in movimento Savron, il quale controlla la palla e va alla conclusione mancando di poco il bersaglio a Caiazzo ormai battuto. E' un buon momento per il San Luigi che preme alla ricerca del gol, anche se manca la necessaria incisività in fase conclusiva. Al 32° una disattenzione difensiva su un calcio di punizione dalla tre quarti consente a Todone di infilare per la seconda volta Lombardi, portando così in vantaggio la Varmese. E' un duro colpo per i biancoverdi che però hanno il pregio di reagire immediatamente. Ed infatti tre minuti dopo arriva il pareggio, messo a segno da Savron che dopo un batti e ribatti originato da un corner battuto da Leghissa, trova lo spiraglio per mettere la palla alle spalle di Caiazzo. Finale che vede il San Luigi all'assalto della porta friulana alla ricerca dei tre punti. Al 38° calcio di punizione dal limite e conclusione di Leghissa di poco alto sopra la traversa. Allo scadere con i biancoverdi in forcing l'ultimo opportunità, generata ancora da un calcio piazzato dai sedici metri, e questa volta è il sinistro di Trevisan ad essere respinto da Caiazzo, che salva così il risultato per un 2 a 2 finale che sta decisamente stretto ai ragazzi di mister Giuffrè.

In classifica il San Luigi scivola la terzo posto con 24 punti, preceduto da Condor (26) e dalla capolista Union Martignacco (36).

SAN LUIGI: Lombardi, Cassarà, Trevisan, Zaro (Kaceli 6' st), Tremuli, Zanier (Ciacchi 6' st), Savron, Cesari, Nastasia, Privitera, Leghissa. All. Giuffrè.

 

Stampa